Bed And Breakfast a Roma:ACQUEDOTTI ANTICHI

Bed And Breakfast a Roma:ACQUEDOTTI ANTICHI
Bed&Breakfast a Roma: Vacanze a Roma

giovedì 11 aprile 2013

CURIOSITA' A CINECITTA': LA CASA DI PAGLIA AL QUADRARO










Grazie al progetto dell’architetto Paolo Robazza, di BAG officinamobile, sorgerà nella Capitale, all’interno del quartiere Quadraro, il primo edificio cittadino costruito utilizzando balle di paglia
I lavori di costruzione hanno preso il via alla fine di gennaio, ma già ora passeggiando per le vie del Quadraro, a Roma, si può notare un curioso edificio che al posto dei classici mattoni è costituito da balle di paglia. Il responsabile di questo innovativo progetto è l’architetto Paolo Robazza, di BAG officinamobile, già progettista di EVA, l’ecovillaggio autocostruito a Pescomaggiore (L’Aquila) nei mesi successivi al terremoto.
In Italia esistono già 30 edifici in paglia, ma si tratta del primo tentativo di portare questa tecnica costruttiva in ambito urbano. Allo stato attuale è stata realizzata la struttura in legno, la copertura e la tamponatura in balle di paglia; l’obiettivo è terminare i lavori nel mese di luglio.


Al posto dei mattoni balle di paglia, legno e cocciopesto per intonacare, rigorosamente impastato a mano come al tempo dei Romani, che lo utilizzavano per rivestire le cisterne. Il risultato finale è una casa che respira, destinata a durare nel tempo, efficiente e autonoma dal punto di vista energetico, calda d'inverno e fresca d'estate, completamente naturale e realizzata a km zero.
La tecnica di costruzione. Il primo passo è reperire il materiale principale: le balle di paglia. Per fare questo, basta contattare i contadini che per il tempo del cantiere rivestiranno l'insolito ruolo di fornitori di materiale edile. Si scelgono, naturalmente, quelli di zona. Le balle si comportano esattamente come i mattoni: vengono impilate una sopra e accanto all'altra, alternate ai portanti della struttura in legno. Fatto questo si procede con l'intonaco, che in questo caso verrà fatto utilizzando il cocciopesto, "un intonaco antico, impermeabile e traspirante, utilizzato ampiamente dai Romani, ma che oggi non si fa più e la cui competenza è andata perduta", spiega all'Adnkronos l'architetto Paolo Robazza.
Raccolta acque piovane fotovoltaico e solare termico. La casa prevede anche un sistema di raccolta delle acque piovane e, per essere autonoma dal punto di vista energetico, il ricorso al fotovoltaico e al solare termico. Il risultato: altissime prestazioni dal punto di vista dell'isolamento termico e della traspirazione, con conseguente risparmio energetico e un buon livello idrotermico. In sintesi una casa che respira e, quindi,  mai troppo umida o troppo secca. In pratica, addio macchie sui muri e umidificatori sui termosifoni. Tempi previsti per la realizzazione di una casa come questa, cioè di 180 metri quadrati lordi, tra i cinque e i sei mesi. Per quanto riguarda i costi si parla di 1.000/1.200 euro al metro quadrato, "quando per la costruzione di una casa con le stesse prestazioni finali si parla di circa 1.800 euro al metro quadrato"
L’elemento distintivo di questo progetto non riguarda solo la tecnica costruttiva e il materiale utilizzato, ma anche le modalità attraverso le quali è stato realizzato. Si tratta, infatti, di un cantiere condiviso che permette a giovani professionisti, desiderosi di apprendere questa tecnica nuova, di partecipare ai lavori di costruzione dell’edificio.
"In questi mesi BAG officinamobile ha organizzato quattro weekend formativi rivolti a giovani professionisti del settore" dice Paolo Robazza "che hanno partecipato attivamente alle lavorazioni specifiche della paglia".
"Questo ha permesso loro di accedere a una tecnica nuova in maniera nuova, attraverso una modalità che non avrebbero potuto imparare altrimenti, e cioè partecipando ai lavori di un cantiere vero e proprio".
Tutto questo è stato possibile perché la paglia è un materiale particolarmente maneggevole e niente affatto pericoloso nella fase di costruzione. Ma il progetto formativo ideato da BAG officinamobile non sarebbe stato possibile senza il contributo dell’Asl di Roma che ha aderito "perché sicurezza e salute sono obiettivi che prescindono dalle tecniche costruttive".
Ma perché costruire in paglia? Innanzitutto perché è possibile realizzare una casa salubre e ben isolata utilizzando un materiale assolutamente naturale e poi perché conviene economicamente. Costruire con la paglia costa 1000-1200 euro al metro quadrato mentre per ottenere le medesime prestazioni energetiche con altri materiali i costi sono molto più alti.
"Il nostro obiettivo" conclude Robazza "è sfatare il luogo comune che vuole che la paglia sia adatta a costruire solo in contesti rurali. Si tratta, infatti, di un materiale valido anche per il contesto urbano".