Bed And Breakfast a Roma:ACQUEDOTTI ANTICHI

Bed And Breakfast a Roma:ACQUEDOTTI ANTICHI
Bed&Breakfast a Roma: Vacanze a Roma

mercoledì 21 maggio 2014

LA CUCINA ROMANA POPOLARE: RICETTE CON IL QUINTO QUARTO

Un giorno una Signora forastiera,
passanno còr marito
sotto l’arco de Tito,
vidde una Gatta nera
spaparacchiata fra l’ antichità.
- Micia che fai? - je chiese: e je buttò;
un pezzettino de biscotto ingrese;
ma la Gatta, scocciata, nu’ lo prese:
e manco l’odorò.
Anzi la guardò male
e disse con un’ aria strafottente:
Grazzie, madama, nun me serve gnente:
io nun magno che trippa nazionale!

...e proprio la trippa appartiene di diritto a quello che a Roma si chiama IL QUINTO QUARTO.
Il quinto quarto è quel che rimane della bestia vaccina, ovina e suina dopo che sono state vendute ai benestanti le parti pregiate: i due quarti anteriori e i due quarti posteriori.
Si tratta, quindi, di tutto quanto è commestibile delle interiora: trippa (la parte più pregiata è il reticolo, a Roma detta anche cuffia), rognoni (i reni della bestia: vanno tenuti a bagno in acqua acidulata con limone, prima di cucinarli), cuore, fegato, milza, animelle (pancrea s, timo e ghiandole salivari) e schienali, cervello e lingua. Dalla carne ovina si prende anche la coratella, l'insieme delle interiora (fegato, polmoni, cuore). Per il maiale e la vitella, a questa lista vanno aggiunti gli zampetti.
Vogliamo presentarvi alcune ricette romane dove il quinto quarto la fa da padrone.
TRIPPA ALLA ROMANA
La trippa alla romana è caratterizzata la presenza del pecorino, uno dei formaggi laziali più conosciuti e saporiti,  è un piatto povero, ma molto sostanzioso della tradizione popolare. 


INGREDIENTI PER 4 PERSONE
Trippa (1kg), sedano (una costa), una carota, una cipolla, olio evo (5 cucchiai), vino (un bicchiere), polpa di pomodoro (500 grammi), pecorino romano (100 grammi), sale, 2o 3 rametti di menta romana
PREPARAZIONE
Lavate la trippa e tagliatela a listarelle e lasciatela scolare . Preparate un trito con la costa del sedano, la carota e la cipolla e fate soffriggere in un tegame insieme ai cucchiai di olio ( e poi aggiungete la trippa  Lasciatela ammorbidire ed asciugare la trippa e poi aggiungete il bicchiere di vino ) che potrà essere rosso oppure bianco, come preferite. Fate evaporare e poi aggiungete la polpa di pomodoro , mescolate bene, lasciate andare per alcuni minuti e poi aggiungete abbondante pepe macinato  e aggiustate di sale.
Lasciate cuocere coprendo il tegame con un coperchio e aggiungendo di tanto in tanto un mestolo di acqua calda o di brodo. Intanto, in una ciotola, preparate il pecorino grattugiato e la menta sminuzzata . Quando la trippa sarà cotta, spegnete e il fuoco e aggiungeteci il contenuto della ciotola e fate mantecare. Servite la trippa alla romana guarnendo i piatti con delle foglioline di menta.

RIGATONI CON SUGO DI PAJATA

Pajata (in romanesco) o pagliata (in italiano) è il termine con il quale si identifica l'intestino tenue del vitellino da latte , che viene tipicamente utilizzato come condimento per un piatto di pasta, quali i rigatoni. Questa è una ricetta della cucina romana, la ricetta originale vuole che l'intestino venga lavato, ma non privato del latte bevuto dal piccolo bovino (chimo).



INGREDIENTI PER 4 PERSONE

Pasta tipo rigatoni 500 grammi, pajata di vitello 800 grammi, passata di pomodoro 500ml, pancetta 50 grammi, vino bianco secco, spicchi d'Aglio 1 o 2, pecorino 100 grammi,  cipolla (una), olio evo, pepe, sale.

PREPARAZIONE

Tagliate a pezzi di circa 10-15 cm e pulite per bene la pajata  lasciatela poi scolare ma ricordate che  prima di metterla sul fuoco farete dei nodi con ogni pezzo. Tagliate la pancetta, tritate  la cipolla, mettete tutto in una padella con un po’ di olio e l'aglio e soffriggete leggermente. 
Dopo qualche minuto togliete l’aglio ed aggiungete la pajata facendola dorare. Inumidite con un po’ di vino durante la cottura e, dopo averlo fatto evaporare, unite la passata di pomodoro, un po’ di pepe ed un pizzico di sale. 
Lasciate sul fuoco per circa 1ora e mezza ore in modo da ottenere un sugo abbastanza denso e compatto. Cucinate a parte la pasta (in acqua leggermente salata) e condite con il sughetto che avete preparato. Spolverate poi con il formaggio pecorino e servite i rigatoni alla pajata ben caldi.


ANIMELLE- CERVELLO- SCHIENALI FRITTI DORATI 

Animella è il corrispondente del timo umano, una ghiandola presente nel collo dei giovani bovini (scompare gradualmente con il sopraggiungere dell’età adulta) Il termine definisce anche, nel Lazio, il pancreas di bovini od ovini.
Considerato un "cascame", uno scarto di difficile reperibilità, ha un elevato contenuto nutrizionale, nonché un elevato tasso di colesterolo. Di gusto delicatissimo rievocante il sapore del latte, è avvolta da una membrana che viene tolta dopo che la ghiandola è stata sbollentata per alcuni minuti.
Con il termine schienale s'intende il midollo spinale del bovino


INGREDIENTI PER 4 PERSONE
Un cervello, 500 grammi di animelle, 500 grammi di schienali, 2 uova, farina, sale q.b.

PREPARAZIONE

Sbollentate cervello, animelle e schienali (immergendoli in acqua bollente per pochi secondi schienali ed animelle 2 o 3 minuti il cervello) fate raffreddare tagliate a liste sia le animelle che il cervello mentre per gli schienali è sufficiente tagliarli in 2 o 3 pezzi.
Immergeteli nelle uova precedentemente sbattute e salate fate riposare il tutto per qualche minuto mentre fate scaldare l'olio per friggere il tutto.
Scolare  i pezzi di frattaglie dall'uovo ed infarinarli immergendoli poi nell'olio bollente. Tirare fuori e servire caldi accompagnati da spicchi di limone.

...la ricetta dell'Artusi per la pastella di fritti di carne...

Stemperate tre cucchiaini colmi di farina con due cucchiaini d'olio, aggiungete due uova, una presa di sale e mescolate bene.
Questo composto prenderà l'aspetto di una crema scorrevole e servirà per dorare i fritti di cervello, schienali, animelle, granelli, testicciuole d'agnello, testa di vitella di latte e simili. Queste cose, quali più, quali meno, secondo la natura loro, scottatele tutte, compresi il cervello e gli schienali che bollendo assodano; salate l'acqua e aggiungete un pizzico di sale e una presa di pepe quando le ritirate dall'acqua. I granelli tagliateli a filetti nella loro lunghezza; gli schienali teneteli lunghi mezzo dito all'incirca; le animelle, se sono d'agnello, lasciatele intere; i cervelli fateli a tocchetti grossi quanto una noce, e tenetevi per le teste a un volume alquanto maggiore. Gettate i pezzi nella pastella dopo averli infarinati e friggeteli nello strutto vergine o nell'olio.
Questi fritti bianchi si uniscono spesso a fegato o a cotolette di vitella di latte. Il fegato tagliatelo a fette sottilissime, le cotolette battetele colla costola del coltello o tritate la carne con la lunetta per riunirla dopo a forma elegante; tanto l'uno che le altre li condirete con sale e pepe, li metterete in infusione nell'uovo frullato e dopo qualche ora, prima di friggerli, li involterete nel pangrattato fine, ripetendo l'operazione anche due volte se occorre. Accompagnate sempre questi fritti con spicchi di limone.

FEGATELLI DI MAIALE

I fegatelli  di maiale sono un piatto semplicissimo e poverissimo della tradizione romana, vengono cucinati con la reticella ( peritoneo) che li avvolge non permettendo quindi alla cottura di indurirne la carne.



INGREDIENTI PER 4 PERSONE

Fegatelli  800 grammi, reticella 300-350 grammi,  foglie di alloro (una per rotolino), sale , pepe, olio evo.

PREPARAZIONE

Dobbiamo tagliare il fegato di maiale a fettine di circa un cm di spessore. Immergiamo la rete di maiale in acqua tiepida acidulata con alcune gocce di succo di limone. Questo serve per ammorbidirla ed evitare rotture.Lavare ed asciugare tante foglie di alloro quante sono le fettine di fegato di maiale. Stenderemo poi i pezzi di  rete  e su ogni pezzo metteremo una fettina di fegato, abbiamo  ritagliato la reticella lasciandone a sufficienza per avvogere la fettina.Posiamo poi  la foglia di alloro sulla fetta di fegato di maiale, sale e pepe secondo il nostro gusto. Chiudiamo  a sacchetto avvolgendo  la rete attorno alla fettina di fegato di maiale magari aiutandoci con uno stuzzicadenti per far si che non si sciolga. Cuocere poi a fuoco lento fino a che la reticella non si sia imbrunita.

Queste 4 ricette presentate fanno parte della cucina romana più povera e popolare anche se al giorno d'oggi molti ristoranti di grido le presentano come piatti d'elite.
Semmai voleste imparare a preparare queste o altre ricette della cucina romana ed italiana in genere, i nostri corsi di cucina vi permetteranno di apprendere piacevolmente  la sapienza dell'arte culinaria che ha dato fama all'Italia.
CORSI DI CUCINA CON CENA FINALE al B&B ACQUEDOTTI ANTICHI

B&B ACQUEDOTTI ANTICHI a Roma
il nostro sito
Fermata Metro A SUBAUGUSTA e di fronte al Parco degli Acquedotti
il nostro blog
la nostra pagina facebook
il nostro video su youtube
CASA VACANZA ROMA-CINECITTA' FLAT
la nostra pagina facebook
le foto delle camere
Fermata Metro A GIULIO AGRICOLA
CONTATTATECI AL 3291162203